Raccolta di San Lorenzo 2018: L’edizione dei record: 8950 chili di alimenti donati

E’ stata l’edizione dei record, quella 2018, per la Raccolta di San Lorenzo. Le due giornate (sabato 28 luglio e sabato 4 agosto)

hanno consentito di mettere insieme ben 8950 chili di generi alimentari a lunga conservazione, stoccati in 868 scatole depositate alla Bottega della solidarietà di Caritas, in via Pisa, dove circa 80 famiglie in stato di indigenza possono fare gratuitamente la spesa esercitando il diritto alla scelta, grazie ad una tessera a punti e ad un percorso di presa in carico. Oltre a quanto donato generosamente, con la spesa, dalla gente (anche i turisti hanno contribuito), vanno aggiunti i 3 pancali di pasta donati dai punti Conad aderenti alla

Raccolta. La «maratona solidale», alla sua quinta edizione, ha coinvolto – coordinati dal vice direttore di Caritas Luca Grandi – poco meno di 150 volontari di tutte le età, compresi i bambini e i ragazzi dell’Acr, che, con la pettorina verde di Caritas, hanno accolto all’ingresso dei supermercati coloro che si recavano a fare la spesa invitandoli ad aderire all’iniziativa e hanno poi ritirato quanto la gente spontaneamente ha voluto acquistare e donare alla Caritas. Il 28 luglio, la Raccolta si è tenuta nei punti Coop di Grosseto (Maremà, via Inghilterra e via Emilia) e di Castiglione della Pescaia: 287 le scatole riempite, per un totale di 3200 chili di alimenti. Un risultato un po’ inferiore all’anno precedente, ampiamente recuperato il 4 agosto, che ha visto coinvolti i supermercati Conad (via Clodia, via Senegal e Aurelia Antica), Simply (via Einaudi e via Scansanese) e Todis di via Repubblica Domenicana e che ha permesso di raggiungere il record dei 5 anni di Raccolta. Nelle due giornate, il vescovo Rodolfo, con il direttore di Caritas, don Enzo Capitani e al vice direttore Luca Grandi, ha visitato i volontari per incoraggiarli e ringraziarli del loro servizio e per consegnare ai direttori dei punti vendita una targa con scritto «Raccolta di San Lorenzo 2018. Avevo fame… mi avete dato da mangiare», frase ripresa dal Vangelo. A Maremà e ad Aurelia Antica ha portato il suo saluto anche l’assessore comunale alle politiche sociali Mirella Milli, a testimonianza di come la Raccolta sia frutto dell’impegno di più realtà (Diocesi, Comune, associazioni) che ogni anno costruiscono la festa del patrono.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *